PARROCCHIA 

SANTA

MARIA  a      SETTEVILLE

Cari fratelli, siamo pronti per ripartire con le celebrazioni delle messe in parrocchia dal lunedì 18 maggio. Sappiamo che tutti abbiamo il desiderio di poter ricevere il Signore nella santa Eucarestia, ma per poter celebrare la messa in sicurezza abbiamo bisogno di rispettare le norme di sicurezza che abbiamo messo in atto. Per questo vi chiediamo di rispettare tutte le misure che vi esporremo sinteticamente:

 

- Siccome abbiamo sistemato la chiesa con le nuove norme di distanziamento è molto importante che possiate arrivare almeno 10 minuti prima della messa feriale, e almeno 15 minuti della messa della domenica. Ci saranno dei volontari che vi aiuteranno a prendere posto nel modo più sicuro e ordinato possibile.

 

- L’ingresso e il deflusso deve essere fatto in ordine e il più veloce possibile, per questo motivo vi consigliamo di non fermarvi a salutare o parlare con le persone una volta finita la celebrazione, semmai lo fate fuori del recinto della chiesa, non fermarvi davanti alla madonna o ai santi per le vostre preghiere.

 

- Metteremo davanti all’ingresso degli avvisi che illustrano tutte le norme da seguire (anche sulla pagina).

 

14 Aprile
Giovedì Santo
Lodi: ore 9:00

Confessioni dalle 10:00 alle 12:00

Celebrazione della Lavanda dei piedi
ore 18:00 
Adorazione fino a mezzanotte


 

15 Aprile
Venerdì Santo

Lodi ore 9:00

Confessioni e adorazione dalle 10:00 alle 12:00
Liturgia della croce ore 18:00
Via Crucis dalle scuole elementari dalle ore 21:00

16 Aprile 
Sabato Santo
Lodi ore 9:00
Confessione e adorazione della croce dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18
Veglia Pasquale ore 22:00
Domenica e Lunedì messe come la Domenica

Fogli di don gino

Il lettore che si avventurasse in queste paginette non cerchi, per favore, la scientificità, come mi chiedevano  buoni ma inguenui amici. Il fatto che dirò spiega piu delle motivazioni. 

Da 21 anni ogni giovedì di quaresima nella mia parrocchia offro catechesi a tutto il popolo. Un anno scelsi come tema la storia della Chiesa che divisi in cinque epoche diverse. C'erano ad ascoltare più di 400 persone, vale a dire quasi il 10% dell'intera popolazione. Davanti, nel primo banco, sedevano fedeli che sapevo analfabeti. Non pochi, degli altri, non avevano terminato le elementari. I laureati non superavano la decina. Al termine della prima catechesi, un incauto amico mi accusò deluso di non aver giustificato l'esposizione con un'adeguata bibliografia, con citazioni e rimandi a testi e ad autori. 

Ecco, chi scrive è parroco d'una minuscola comunità di gente semplicissima. Da anni parlo e scrivo soltanto per loro, rivolgendomi a loro, preoccupandomi a loro. 

Dunque, mi lasci subito perdere l'eventuale lettore che avesse legittime esigenze scientifiche, di sistematicità e di erudizione.

Tanto più che le pagine sono state scritte di getto, senza riletture o preoccupazioni editoriali. Si tratta di collochi, legati a un preciso ambiente e a un ancor preciso uditorio. 

Nota: Gli scritti di don Gino sono raccolti nei libri “Non siamo conigli” (ISBN: 978-88-6409-271-3), “Conigli alla riscossa” (ISBN: 978-88-6409-619-3) e "Zibaldone di un parroco di periferia" (ISBN: 978-88-6409-619-3) editi da Fede e Cultura, Verona (Italy).

Ultimo aggiornamento: 3 Aprile 2021